Attualità
Adeguamento agli studi di settore,
per l'Iva la via è anche a rate
Applicabile già dai versamenti in scadenza il prossimo 6 luglio la possibilità di pagare l'imposta in quote mensili
Adeguamento agli studi di settore,| per l'Iva la via è anche a rate
Anche l'Iva derivante dall'adeguamento al volume di affari risultante dall'applicazione degli studi di settore potrà essere versata a rate. A stabilirlo il Dl 78/2009 (articolo 15, comma 6) pubblicato sulla Gazzetta di ieri.

Il Dpr 195/1999 (regolamento recante disposizioni concernenti i tempi e le modalità di applicazione degli studi di settore) dispone, all'articolo 2, comma 1, che nei confronti dei contribuenti, che indicano nelle dichiarazioni ricavi o compensi non annotati nelle scritture contabili per adeguare gli stessi, anche ai fini Irap, a quelli derivanti dall'applicazione degli studi di settore, non sono previste sanzioni e interessi.

Il successivo comma 2 stabilisce, poi, che l'adeguamento al volume di affari risultante dall'applicazione degli studi di settore, ai fini dell'Iva, avviene sempre senza sanzioni e interessi, effettuando però il versamento della relativa imposta a saldo entro il termine del versamento a saldo dell'imposta sul reddito. Il nuovo decreto anti-crisi aggiunge ora la possibilità di versare l'imposta sul valore aggiunto con le stesse modalità previste per i pagamenti delle somme dovute a titolo di saldo e di acconto dall'articolo 20 del Dlgs 241/1997, vale a dire in rate uguali di pari importo, con la maggiorazione degli interessi (attualmente lo 0,40%).

Di conseguenza, i contribuenti che svolgono attività per le quali si applicano gli studi di settore potranno eseguire ratealmente i versamenti dell'Iva da adeguamento già a partire dalla prossima scadenza del 6 luglio.
Il Dpcm del 4 giugno scorso, infatti, ha differito dal 16 giugno al 6 luglio il termine per effettuare, senza maggiorazione, i versamenti risultanti dalla dichiarazione dei redditi e da quella Irap. Lo slittamento riguarda i contribuenti che esercitano attività economiche per le quali sono stati creati gli studi di settore e coloro che, in base agli articoli 5, 115, 116 del Tuir, possiedono partecipazioni in società, associazioni e imprese che applicano gli studi: soci di società di persone, associati di associazioni tra artisti e professionisti, collaboratori di imprese familiari, coniugi di aziende coniugali, soci di Srl che hanno optato per il regime di trasparenza fiscale.

Chi sceglie di rateizzare il pagamento dell'Iva, dunque, potrà versare la somma dovuta entro il giorno 16 di ciascun mese, maggiorata dei relativi interessi decorrenti dal mese di scadenza, fino a novembre.

Nel modello l'F24 - ha precisato un comunicato stampa dell'agenzia delle Entrate - non sarà necessario fornire indicazioni sull'eventuale rateazione.
Alessandra Gambadoro
pubblicato Giovedì 2 Luglio 2009

I più letti

testo alternativo per immagine
Previsto un portale ministeriale, gestito dal Mibact, in cui i beneficiari delle erogazioni liberali in denaro dovranno pubblicarne ammontare, destinazione e utilizzo
testo alternativo per immagine
Il direttore dell’Agenzia delle Entrate in commissione Finanze e Tesoro fa il punto sulle misure amministrative e normative volte a snellire i rapporti tra fisco e contribuenti
calendario
La raccomandazione di rito è quella di avere le idee chiare perché, una volta presentata la domanda di restituzione, non è possibile tornare indietro, cioè revocare la scelta
testo alternativo per immagine
La richiesta di chiarimenti deve necessariamente precedere la condotta tributaria cui si riferisce, altrimenti la risposta non “impegna”, in nessun modo, né fisco né contribuente
testo alternativo per immagine
Il terreno, ricadente in una zona industriale, era stato acquisito dall’Ente locale con procedura espropriativa, sia pure terminata con compravendita per accordo bonario
testo alternativo per immagine
Presenti da quest’anno, nella normativa che disciplina l'Iva relativa al settore dell’editoria, modifiche sostanziali. L’Agenzia delle Entrate fa chiarezza sul nuovo e sul vecchio
testo alternativo per immagine
I chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate per assolvere correttamente l’adempimento dichiarativo, ora previsto sia ai fini del monitoraggio fiscale sia per liquidare Ivafe e Ivie
testo alternativo per immagine
Vacanze irrinunciabili per tutti, compreso il contenzioso tributario, che rimane sospeso per un mese e mezzo, dall’1 agosto fino al 15 settembre, fatte salve le notifiche
compilazione modelli
I criteri da applicare per individuare correttamente il modello che deve essere utilizzato quando si svolgono più "mestieri" contraddistinti da diversi codici Ateco
testo alternativo per immagine
La richiesta di chiarimenti deve necessariamente precedere la condotta tributaria cui si riferisce, altrimenti la risposta non “impegna”, in nessun modo, né fisco né contribuente
compilazione modelli
I criteri da applicare per individuare correttamente il modello che deve essere utilizzato quando si svolgono più "mestieri" contraddistinti da diversi codici Ateco
modellino casa con contratto e chiavi
La riduzione del corrispettivo non comporta riliquidazione dell'imposta né risoluzione del contratto
testo alternativo per immagine
Tra new entry e ridenominazioni, ai blocchi di partenza tutti i codici da utilizzare per avvalersi delle modalità di versamento unitario, con eventuale compensazione di crediti
testo alternativo per immagine
Novità in arrivo per dividendi, obbligazioni, interessi maturati sui conti correnti bancari e postali e pronti contro termine. L’Agenzia delle Entrate fornisce i primi chiarimenti
testo alternativo per immagine
Abitazione principale e relative pertinenze fuori dal “reddito complessivo”. Il credito spetta anche ai lavoratori senza sostituto d’imposta, ma va chiesto in dichiarazione