Attualità
Cessione o triangolazione intracomunitaria?
Il caso di una società belga che ha acquistato prodotti da un fornitore spagnolo per rivenderli in Italia
_2068.jpg

È possibile regolarizzare in Italia gli effetti di acquisti intracomunitari che il fornitore residente in un altro Stato ha erroneamente trattato come cessioni intracomunitarie anziché classificarli come una triangolazione intracomunitaria?
A questo interrogativo ha risposto l'agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 321/E del 9 novembre emanata in risposta a una istanza di interpello. Secondo l'Amministrazione finanziaria, se la natura dell'operazione e il cedente non mutano, è sufficiente annotare le variazioni nei registri contabili piuttosto che procedere all'annullamento delle originarie operazioni di acquisto, integrazione e registrazione delle nuove fatture.

Il caso al centro dell'interpello
Il pronunciamento dell'Amministrazione fiscale prende le mosse da una istanza di interpello presentata da una società belga con due partite Iva (italiana e spagnola) che provvede ad acquistare prodotti da un fornitore spagnolo e a rivenderli in Italia utilizzando la partita Iva spagnola.
A sua volta, la società belga emette fatture non imponibili per cessioni intracomunitarie e presenta i modelli Intra. Il trasporto dei beni viene poi effettuato dalla società spagnola per conto di quella belga e la prima risulta destinataria delle fatture emesse dal vettore per il trasporto realizzate dalla Spagna in Italia.
L'istante afferma che il destinatario finale dei beni ha provveduto a registrare le fatture relative ai loro acquisti con la partita Iva spagnola della società belga indicandola nei modelli Intra come fornitore dei modelli presentati.
Di diverso avviso è l'Amministrazione finanziaria spagnola per la quale, invece, le operazioni dovevano essere considerate triangolari anzichè cessioni intracomunitarie. E questo perché affidando il trasporto a un terzo non era legittimo utilizzare la partita Iva spagnola della società belga.

La posizione del Fisco italiano
In linea di principio, se si cambia la partita Iva del cedente cambia la natura dell'operazione e di conseguenza il destinatario finale dei beni dovrebbe annullare e registrare nuovamente le fatture. Ma per l'amministrazione italiana, la procedura di regolarizzazione prevista dalla normativa nazionale non può applicarsi al caso in esame poiché non viene meno la cessione intracomunitaria nei confronti del destinatario finale dei beni né muta il ruolo del cedente cambiando la partita Iva. Quindi, il destinatario finale dei beni dovrà provvedere ad annotare a margine dei registri la modifica della posizione Iva.

Secondo l'Agenzia, la regolarizzazione, comunque, non comporta l'applicazione di sanzioni nei confronti degli acquirenti italiani, in quanto all'epoca si sono comportati correttamente. E ciò anche tenendo conto che la correzione viene effettuata a seguito di un'iniziativa di un'autorità fiscale estera per esigenze di coordinamento normativo e di controllo negli scambi intracomunitari.

Gianluca Di Muro
pubblicato Venerdì 9 Novembre 2007

I più letti

testo alternativo per immagine
Deve essere utilizzato dal contribuente quando le richieste di eccedenza dell’imposta sul valore aggiunto superano l’importo di 15mila euro e necessitano della prestazione di garanzia
testo alternativo per immagine
Da utilizzare, entro il prossimo 30 giugno, per rideterminare il valore dei terreni a destinazione agricola ed edificatoria e delle partecipazioni in società posseduti al 1° gennaio 2015
due forchette e un cucchiaio
In rete l’applicazione con la quale, dal 4 luglio, sarà possibile fornire, on line, le proprie ragioni alle irregolarità rilevate e comunicate nel 2015 o evidenziare gli errori nei dati
collage immagini di città italiane
Firenze si conferma il capoluogo più caro tra quelli di grandi dimensioni, seguono Bologna e Venezia. Sul fonte delle compravendite, il centro più dinamico è stato Genova
camion
Il credito potrà essere utilizzato in compensazione fino al termine del prossimo anno e, in caso di eccedenze, per chiedere il rimborso in denaro c’è tempo fino al 30 giugno 2017
testo alternativo per immagine
Da utilizzare, entro il prossimo 30 giugno, per rideterminare il valore dei terreni a destinazione agricola ed edificatoria e delle partecipazioni in società posseduti al 1° gennaio 2015
banconote
L’imposta sostitutiva già versata per precedenti rideterminazioni può essere scomputata dalla somma calcolata in base all’ultima procedura; in alternativa, istanza di rimborso
due forchette e un cucchiaio
In rete l’applicazione con la quale, dal 4 luglio, sarà possibile fornire, on line, le proprie ragioni alle irregolarità rilevate e comunicate nel 2015 o evidenziare gli errori nei dati
camion
Il credito potrà essere utilizzato in compensazione fino al termine del prossimo anno e, in caso di eccedenze, per chiedere il rimborso in denaro c’è tempo fino al 30 giugno 2017
testo alternativo per immagine
Deve essere utilizzato dal contribuente quando le richieste di eccedenza dell’imposta sul valore aggiunto superano l’importo di 15mila euro e necessitano della prestazione di garanzia
logo del modello di dichiarazione Unico SC 2015, anno d'imposta 2014
Previste due nuove colonne, una per l'incremento della società quotata, l'altra per sfruttare in diminuzione del tributo regionale la quota di agevolazione non utilizzata per il reddito del periodo
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
un sacco pieno di soldi
In caso di omessi versamenti, il dies a quo per regolarizzare decorre dal momento di commissione della violazione, anche in relazione ai tributi risultanti dalla dichiarazione
Dogana con la Svizzera
La corretta collocazione nei modelli del regime che consente agli acquirenti stranieri di non pagare l’imposta sul valore aggiunto relativa a beni comprati in Italia