Attualità
Intrastat, innalzato il limite per l'indicazione dei dati statistici
Dal 2006 un unico valore per cessioni e acquisti: 10 milioni di euro

Gli scambi comunitari prevedono una serie di adempimenti e fra questi assume particolare rilevanza la compilazione degli elenchi riepilogativi delle cessioni e degli acquisti intracomunitari. "La presentazione di detti elenchi riepilogativi ha lo scopo di soddisfare contemporaneamente esigenze sia di carattere fiscale sia di carattere statistico connesse con gli scambi intracomunitari di beni" (circolare n. 13/94).

L'obbligo è stabilito dal comma 6 dell'articolo 50 del decreto legge n. 331/93 (convertito con modificazioni dalla legge n. 427 del 29/10/93), che, nel successivo comma 7, precisa che laddove sia stata emessa fattura o pagato il corrispettivo anteriormente alla consegna o spedizione dei beni (momento dell'esigibilità dell'imposta), le operazioni devono comunque essere comprese negli elenchi in questione.
Pertanto, in genere, i dati devono riferirsi, per gli acquisti, al mese di ricevimento della fattura, e, per le cessioni, alla data di emissione della stessa.

A tal fine l'articolo 2 del decreto ministeriale 21/10/92 individuò espressamente i soggetti sottoposti all'obbligo e l'oggetto degli scambi comunitari:

  1. "Sono tenuti alla presentazione degli elenchi di cui all'art. 1 i soggetti passivi all'imposta sul valore aggiunto che effettuano scambi di beni comunitari con i soggetti all'imposta sul valore aggiunto degli Stati membri della Comunità economica europea. Si considerano beni comunitari quelli originari degli Stati membri della CEE e quelli provenienti da Paesi terzi che si trovano in libera pratica nella Comunità.
  2. Sono inoltre tenuti alla presentazione degli elenchi di cui all'art. 1 gli enti, associazioni ed altre organizzazioni, non soggetti passivi d'imposta, che effettuano acquisti intracomunitari soggetti all'imposta sul valore aggiunto
  3. ".

Premesso che i "professionisti" sono tenuti alla presentazione dei modelli se nel corso della loro attività effettuano scambi intracomunitari, non devono essere annotate le seguenti operazioni:

  • intermediazioni
  • prestazioni di trasporto comunitario
  • prestazioni accessorie di trasporto comunitario.

Inoltre, secondo quanto specificato dalla circolare n. 13/94, gli elenchi non vanno compilati nei seguenti casi:

  • campioni omaggio e beni ceduti gratuitamente, nemmeno agli effetti statistici
  • sostituzione di beni in garanzia, nemmeno agli effetti statistici
  • beni in riparazione (la presentazione va fatta solo ai fini statistici, mentre in caso di prestazione gratuita o in garanzia l'obbligo è escluso)
  • gli enti e gli altri soggetti di cui all'articolo 4, quarto comma, del Dpr 633/72 (enti non commerciali), non soggetti d'imposta, sono tenuti alla presentazione dell'elenco, agli effetti fiscali e statistici, solo se gli acquisti intracomunitari si considerano effettuati nello Stato, ancorché, ai fini dell'applicazione dell'imposta sono da considerare non imponibili, esenti o non soggetti.

La medesima circolare, inoltre, precisa che:

  • per quanto riguarda i giornali e le pubblicazioni in genere, anche in abbonamento, i modelli vanno presentati agli effetti fiscali e statistici, con riferimento al periodo di registrazione delle relative fatture
  • per i beni inviati presso fiere, mostre o in caso di tentata vendita, gli elenchi vanno compilati solo in caso di cessione o acquisto dei beni, con riferimento al periodo di registrazione della fattura
  • per quanto riguarda i software, gli elenchi vanno presentati solo in riferimento al "software standardizzato e non quello personalizzato"
  • per quanto riguarda gli stampi bisogna distinguere se essi sono indicati separatamente o meno in fattura. Nella prima ipotesi, l'elenco riepilogativo agli effetti fiscali "è compilato con riferimento al periodo di registrazione della fattura, ancorché lo stampo non sia ancora spedito; mentre agli effetti statistici il valore va proporzionalmente aggiunto a quello delle singole forniture nella compilazione dei relativi elenchi". Nella seconda ipotesi, indipendentemente dal fatto che a fine lavorazione lo stampo venga inviato o meno in altro Stato, poiché il corrispettivo è parte integrante dei beni prodotti, non rappresenta elemento per un'autonoma indicazione negli elenchi.

Infine, va considerato che non è necessario presentare gli elenchi nel caso in cui, nel periodo di riferimento, non siano state effettuate operazioni (circolare n. 60/D del 1999).

Più recentemente, l'articolo 1 del decreto ministeriale 27/10/2000, nel riformare gli elenchi riepilogativi in euro, ha ribadito i modelli da presentarsi, peraltro già individuati dall'articolo 1 del decreto ministeriale 21/10/92:

  1. modello INTRA-1, relativo al frontespizio dell'elenco riepilogativo delle cessioni
  2. modello INTRA-1 bis, relativo alla sezione 1 dell'elenco riepilogativo delle cessioni
  3. modello INTRA-1 ter, relativo alla sezione 2 dell'elenco riepilogativo delle cessioni
  4. modello INTRA-2, relativo al frontespizio dell'elenco riepilogativo degli acquisti
  5. modello INTRA-2 bis, relativo alla sezione 1 dell'elenco riepilogativo degli acquisti
  6. modello INTRA-2 ter, relativo alla sezione 2 dell'elenco riepilogativo degli acquisti.

Il successivo articolo 2, modificando e integrando il medesimo articolo del decreto 21/10/92, ha previsto le modalità di conferimento della delega alla presentazione dei modelli da parte dei soggetti interessati.
Precisato che gli importi delle cessioni non vanno cumulati con quelli degli acquisti e che nel caso di inizio attività la periodicità è rapportata all'ammontare degli scambi presunti, l'articolo 1 del decreto 12/12/2002 ha stabilito, a partire dall'anno 2003, le seguenti scadenze di presentazione (modificando l'articolo 3 del decreto ministeriale 27/10/2000):

LIMITEPERIODICITA'PRESENTAZIONE
   
Cessioni (modello INTRA 1)
fino a 40.000 euroAnnualeEntro il 31 gennaio dell'anno successivo
> 40.000 euroTrimestraleEntro il mese successivo a ciascun trimestre
> 200.000 euroMensileEntro il 20 del mese successivo
 
Acquisti (modello INTRA 2)
fino a 150.000 euroAnnualeEntro il 31 gennaio dell'anno successivo
> 150.000 euroMensileEntro il 20 del mese successivo


Pertanto, qualora, per esempio, gli acquisti fatti siano stati pari a 100mila euro e le cessioni a 160mila euro, la periodicità è annuale per gli acquisti e trimestrale per le cessioni.
La periodicità di presentazione resta immutata anche se i limiti suddetti vengono superati nel corso dell'anno.

Gli elenchi riepilogativi sono presentati a un qualsiasi ufficio doganale abilitato della circoscrizione doganale territorialmente competente, in relazione alla sede del soggetto obbligato o del terzo delegato, entro il giorno 20 del mese successivo a quello di riferimento, nel caso di elenchi mensili, entro la fine del mese successivo al periodo di riferimento, nel caso di elenchi trimestrali e annuali (articolo 6, comma 1, decreto 27/10/2000).
Tuttavia, i modelli relativi alle operazioni relative al mese di luglio (cessioni o acquisti) possono essere presentati entro il giorno 6 del mese di settembre (articolo 1, Dpr n. 190/2004).

In caso di variazione di partita Iva, il comma 4 dell'articolo 3 del decreto 27/10/2000 precisa che andranno compilati elenchi separati, secondo che si riferiscano a operazioni antecedenti o successive alla variazione.
Il comma 3 del medesimo articolo riconosce, inoltre, la possibilità, per i soggetti tenuti alla presentazione degli elenchi con periodicità superiore a quella mensile, di presentarli "con periodicità trimestrale o mensile, nel caso di periodicità annuale, e con periodicità mensile, nel caso di periodicità trimestrale".

Si ricorda, inoltre, che la circolare n. 13/1994 ha precisato che nel caso in cui al soggetto nazionale non venga fornito l'identificativo del contraente comunitario, perché questi non ancora in possesso dello stesso, ma venga fornita idonea prova di essere soggetto d'imposta e di aver inoltrato la richiesta per il rilascio, il soggetto nazionale può indicare il Paese del contraente e al posto del codice Iva degli zero.

Il recente decreto 3 agosto 2005 ha sostituito l'articolo 4, comma 5, del decreto 27/10/2000 (con decorrenza dal 2006), provvedendo in parte a rideterminare le modalità di compilazione e i contenuti degli elenchi.
In essi dovranno essere indicati i dati delle operazioni registrate o soggette a registrazione, secondo le disposizioni degli articoli 23, 24 e 25 del Dpr 633/72.
Si specifica, altresì, che eventuali rettifiche ai modelli presentati, conseguenti a variazione dell'imponibile, saranno riportate negli elenchi relativi al periodo nel corso del quale le medesime sono state registrate o si sarebbero dovute registrare.

Nel comma 5, infine, al fine "di semplificare gli adempimenti amministrativi a carico degli operatori interessati, innalzare ed armonizzare le soglie concernenti la fornitura dei dati relativi al valore statistico, alle condizioni di consegna e alle modalità di trasporto negli elenchi riepilogativi mensili delle cessioni e degli acquisti intracomunitari", viene stabilito che sono tenuti alla menzione del valore statistico, delle condizioni di consegna e del modo di trasporto i seguenti soggetti:
  1. per quanto riguarda gli elenchi riepilogativi mensili delle cessioni intracomunitarie, i soggetti che hanno realizzato nell'anno precedente o, in caso di inizio dell'attività di scambi intracomunitari, presumono di realizzare nell'anno in corso, un valore annuo delle spedizioni superiore a 10 milioni di euro
  2. per quanto riguarda gli elenchi riepilogativi mensili degli acquisti intracomunitari, i soggetti che hanno realizzato nell'anno precedente o, in caso di inizio dell'attività di scambi intracomunitari, presumono di realizzare nell'anno in corso, un valore annuo degli arrivi superiore a 10 milioni di euro.

Si segnala, infine, che il medesimo decreto del 3/8/2005 ha inserito nell'allegato VII del decreto 27/10/2000 la seguente tabella:

Elenco delle merci escluse dalla rilevazione statistica sugli scambi di beni tra stati membri

  • a) Strumenti di pagamento aventi corso legale e valori
  • b) Oro detto monetario
  • c) Soccorso d'urgenza in regioni sinistrate
  • d) Merci che beneficiano dell'immunità diplomatica, consolare o simile
  • e) Merci destinate a un uso temporaneo, purché siano rispettate le seguenti condizioni:
    1. non è prevista né effettuata alcuna lavorazione
    2. la durata prevista dell'uso temporaneo non è superiore a 24 mesi
    3. la spedizione o l'arrivo non sono stati dichiarati come consegna o acquisizione ai fini dell'Iva
  • f) Beni che veicolano informazioni, quali dischetti, nastri informatici, pellicole, disegni, cassette audio e video, CD-ROM con programmi informatici, se sono concepiti su richiesta di un cliente particolare o non sono oggetto di transazioni commerciali, nonché beni forniti a complemento di una precedente fornitura, per esempio ai fini di aggiornamento, che non sono oggetto di fatturazione per il destinatario
  • g) Purché non siano oggetto di una transazione commerciale:
    1. materiale pubblicitario
    2. campioni commerciali
  • h) Beni destinati a essere riparati e in seguito alla riparazione, nonché i pezzi di ricambio associati. La riparazione di un bene consiste nel ripristino della sua funzione o condizione originaria. L'obiettivo dell'operazione è semplicemente mantenere i beni in condizioni di funzionamento e può comportare lavori di ricostruzione o di miglioria, ma non modifica in alcun modo la natura dei beni
  • i) Merci spedite alle forze armate nazionali stanziate al di fuori del territorio statistico e merci provenienti da un altro Stato membro che hanno accompagnato le forze armate nazionali al di fuori del territorio statistico, nonché merci acquistate o cedute nel territorio statistico di uno Stato membro dalle forze armate di un altro Stato membro che vi stazionano
  • j) Mezzi di lancio di veicoli spaziali, alla spedizione e all'arrivo, in vista del lancio nello spazio e durante il lancio
  • k) Vendita di nuovi mezzi di trasporto da parte di persone fisiche o giuridiche soggette all'Iva a cittadini privati di altri Stati membri.

Sanzioni e ravvedimento
L'omessa presentazione, ovvero incompleta, inesatta o irregolare compilazione degli elenchi è punita con la sanzione da 516 a 1032 euro per ogni elenco (articolo 11, comma 4, Dlgs 471/97). La sanzione è ridotta a metà se gli elenchi sono presentati entro trenta giorni dalla richiesta dell'ufficio. La circolare n. 23 del 25/01/99 ha specificato che la riduzione alla metà compete anche nel caso si provveda alla presentazione spontaneamente nel predetto termine dei 30 giorni. La sanzione non si applica se i dati mancanti o inesatti vengono integrati o corretti anche a seguito di richiesta.

La risoluzione 20 del 16/2/2005, riprendendo quanto già affermato nella circolare 77/2001, ha ribadito la natura non formale dell'eventuale violazione commessa in materia di modelli Intrastat, poiché trattasi di "atti che, per definizione, sono soggetti a controllo".
L'eventuale ravvedimento può essere effettuato esclusivamente versando un quinto del minimo (euro 103) entro il termine di presentazione della dichiarazione annuale relativa all'anno nel corso del quale è stata commessa la violazione (articolo 13, comma 1, lettera b), Dlgs 472/97). In tal senso si veda anche la citata risoluzione 20/2005.

Alfonso Russo
pubblicato Giovedì 1 Settembre 2005

I più letti

Censurata la sola disposizione sull’inammissibilità dei ricorsi depositati prima della conclusione del procedimento, tra l’altro normativamente già superata con l’ultima legge di stabilità
testo alternativo per immagine
La Commissione tributaria, invece, limitandosi a moltiplicare per tre il valore della media degli utili operativi dell’ultimo triennio, giungeva a un risultato palesemente ingiustificato
testo alternativo per immagine
La trasmissione delle informazioni richieste va effettuata entro il trentesimo giorno successivo alla data di scadenza per l’invio della dichiarazione annuale dei redditi
immagine
La Cassazione ribadisce che una transazione corretta ma “irragionevole”, è contestabile se porta nelle tasche del contribuente soltanto risparmi d’imposta
Venezia
Si tratta di quelli richiesti in via telematica dalla società partecipanti al consolidato che si sono avvalse dalla possibilità di dedurre l’imposta dalle imposte sui redditi
testo alternativo per immagine
La trasmissione delle informazioni richieste va effettuata entro il trentesimo giorno successivo alla data di scadenza per l’invio della dichiarazione annuale dei redditi
testo alternativo per immagine
La Commissione tributaria, invece, limitandosi a moltiplicare per tre il valore della media degli utili operativi dell’ultimo triennio, giungeva a un risultato palesemente ingiustificato
immagine
L’intervallo temporale a disposizione per presentare la dichiarazione per un’eredità accettata con beneficio d’inventario in nome di un minore scatta dal raggiungimento dei diciotto anni
testo alternativo per immagine
Né importa che non sia stata barrata alcuna specifica casella dell’avviso di ricevimento e che non sia stata altrimenti indicata la qualità del consegnatario dell’atto
segretaria
Per i giudici di legittimità, il lavoro della collaboratrice dell’avvocato rappresenta comunque un elemento potenziatore e aggiuntivo ai fini della produzione del reddito
pc
Applicazione semplice e facilmente utilizzabile da chi ha familiarizzato più con monitor e tastiera che con la vecchia biro, ormai sulla soglia della pensione di anzianità
faq
Chiarimenti su operazioni con soggetti residenti in Paesi della black list, caselle “Autofattura” e “reverse charge”, fatture emesse registrate tra i corrispettivi. E altro ancora
testo alternativo per immagine
Risolta l’asimmetria creatasi con il succedersi delle norme. Adesso, imposta sul valore aggiunto e imposte dirette possono continuare a viaggiare e relazionarsi come prima
modellino casa con contratto e chiavi
La riduzione del corrispettivo non comporta riliquidazione dell'imposta né risoluzione del contratto
testo alternativo per immagine
Il maggior tempo concesso all’ente locale per esercitare il controllo è ritenuto necessario a seguito della mancata collaborazione del contribuente, in tal modo sanzionandola