Attualità
Visto di conformità: abilitazione
dalla data della comunicazione
Non muta la decorrenza di inserimento nell'elenco se la documentazione è perfezionata successivamente
Visto di conformità: abilitazione| dalla data della comunicazione
L'inserimento nell'elenco centralizzato dei soggetti abilitati all'apposizione del visto di conformità decorre dalla data della comunicazione inviata alla direzione regionale; anche se la documentazione, incompleta, viene perfezionata in un secondo tempo. Le polizze assicurative non devono limitare la copertura a un solo modello di dichiarazione.

A chiarirlo, un comunicato stampa dell'Agenzia delle Entrate che dà risposta alle numerose richieste di informazioni e precisazioni pervenute alle direzioni regionali da parte dei professionisti interessati a rilasciare il visto di conformità sulle dichiarazioni dei contribuenti che intendono utilizzare in compensazione crediti Iva per importi superiori ai 15mila euro annui.

Come indicato nella circolare 57/2009, i soggetti interessati all'iscrizione nell'elenco dei professionisti abilitati al rilascio del visto di conformità devono inviare un'apposita comunicazione alla direzione regionale competente in ragione del proprio domicilio fiscale, indicando: i dati anagrafici, i requisiti professionali, il codice fiscale, la partita Iva, il domicilio e gli altri luoghi ove viene esercitata la propria attività professionale, la denominazione o ragione sociale e i dati anagrafici dei soci e dei componenti il consiglio di amministrazione, ove previsto, del collegio sindacale, delle società di servizi delle quali il professionista intende avvalersi per lo svolgimento dell'attività di assistenza fiscale, con l'indicazione delle specifiche attività da affidare alle stesse.
Alla comunicazione devono essere allegati: la copia conforme della polizza assicurativa prevista dall'articolo 22 del decreto ministeriale 164/1999, la dichiarazione relativa all'insussistenza di provvedimenti di sospensione dell'ordine di appartenenza, la dichiarazione relativa alla sussistenza dei requisiti, elencati dall'articolo 8, comma 1, dello stesso Dm 164.

Nel caso in cui - precisa il comunicato odierno - la documentazione prodotta risulti incompleta, ne sarà richiesta l'integrazione; il successivo perfezionamento non comporta variazioni della data di inserimento nell'elenco informatizzato, la cui decorrenza resta pertanto ancorata alla data della comunicazione. Facendo però attenzione che eventuali clausole aggiuntive di appendice alla polizza conservino la decorrenza di efficacia originaria della stessa (a copertura del rischio per l'apposizione del visto).

Le polizze, inoltre, non devono circoscrivere la copertura del rischio a un solo modello di dichiarazione, in quanto, per legge (Dlgs 241/1997 e Dm 164/1999), i professionisti sono autorizzati ad apporre il visto su tutti i modelli di dichiarazione e non solo su quello Iva.

La direzione regionale competente provvederà a comunicare l'avvenuta iscrizione nell'elenco informatizzato o il motivo dell'eventuale mancato inserimento.
r.fo.
pubblicato Mercoledì 24 Febbraio 2010

I più letti

testo alternativo per immagine
Il mancato rinnovo di adesione al servizio da parte degli intermediari comporterà la decadenza, a partire dal prossimo 1 novembre, delle deleghe già conferite dai clienti
testo alternativo per immagine
Vicario del direttore il primo, numero uno di Audit e sicurezza il secondo, entrambi lasciano l’Amministrazione finanziaria fra i saluti e i ringraziamenti di tutto il personale
detective
È il risultato di una complessa attività di indagine svolta dalle Entrate in collaborazione con la procura della Repubblica Milano e la Polizia tributaria della stessa città
testo alternativo per immagine
Ciò che conta sono gli effetti giuridici, i quali sono considerati rilevanti in sé, in quanto costitutivi, traslativi, dichiarativi, prescindendo dai contratti che li producono
testo alternativo per immagine
La tassa governativa è dovuta con riferimento al numero dei mesi considerati in ciascuna bolletta, in misura fissa mensile, diversa in base al tipo di utenza, residenziale o affari
testo alternativo per immagine
Il mancato rinnovo di adesione al servizio da parte degli intermediari comporterà la decadenza, a partire dal prossimo 1 novembre, delle deleghe già conferite dai clienti
testo alternativo per immagine
Il patrimonio informativo dell’Agenzia, finora utilizzato soprattutto per finalità di controllo, sarà impiegato, per la prima volta, per fornire un reale servizio ai cittadini
testo alternativo per immagine
La scadenza riguarda anche i finanziamenti e le capitalizzazioni effettuate a favore dell’impresa, ma soltanto se di importo complessivo non inferiore a 3.600 euro
testo alternativo per immagine
Ciò che conta sono gli effetti giuridici, i quali sono considerati rilevanti in sé, in quanto costitutivi, traslativi, dichiarativi, prescindendo dai contratti che li producono
testo alternativo per immagine
Vicario del direttore il primo, numero uno di Audit e sicurezza il secondo, entrambi lasciano l’Amministrazione finanziaria fra i saluti e i ringraziamenti di tutto il personale
testo alternativo per immagine
Le modalità di presentazione via web della delega di pagamento unificato. La versione cartacea sopravvivrà per i versamenti di importi esigui e in qualche ipotesi residua
testo alternativo per immagine
La scadenza riguarda anche i finanziamenti e le capitalizzazioni effettuate a favore dell’impresa, ma soltanto se di importo complessivo non inferiore a 3.600 euro
pagina sito Mise
Quando l’Amministrazione finanziaria può procurarsi direttamente i “recapiti”, l’adempimento informativo diventa superfluo. Questo, nell’ottica della semplificazione
testo alternativo per immagine
Il mancato rinnovo di adesione al servizio da parte degli intermediari comporterà la decadenza, a partire dal prossimo 1 novembre, delle deleghe già conferite dai clienti
testo alternativo per immagine
Online, in bozza, il modello che i sostituti d’imposta dovranno utilizzare, dal 2015, per comunicare i dati riguardanti le somme corrisposte nel periodo d’imposta precedente