Dal mondo
Gafi, un italiano alla presidenza
del Gruppo per il 2011-2012
Giancarlo Del Bufalo dal 1° luglio è il nuovo responsabile designato del Gruppo d'azione finanziaria internazionale
logo gafi

Ad annunciarlo una nota del ministero dell'Economia e delle Finanze diramata oggi. Dopo aver ricoperto importanti incarichi  presso il ministero dell'Economia e delle Finanze come direttore generale del dipartimento del Tesoro, responsabile della direzione Affari finanziari internazionali, del dipartimento Affari generali, personale e amministrazione, membro permanente dell'Ocse e Segretario generale del Comitato per l'introduzione della moneta unica europea in Italia, Giancarlo Del Bufalo approda alla nuova struttura a cui è demandata l'elaborazione di strategie di lotta al riciclaggio dei capitali di origine illecita. Dal 2001 è stato attribuito al Gafi anche un ruolo di prevenzione del finanziamento al terrorismo e dal 2008 di contrasto al finanziamento della proliferazione di armi di distruzione di massa. La nomina di Del Bufalo segue, in ordine cronologico, quella del messicano Luis Urrutia Corral a cui subentra per il periodo 2011-2012 nella guida del Gafi e sarà ufficializzata oggi durante la sessione plenaria del Gafi-Fatf in corso a Città del Messico.
 

Gli obiettivi della nuova presidenza italiana
Consolidare il ruolo e le attività intraprese dal Gruppo d'Azione finanziaria internazionale. È l'ambizioso obiettivo della presidenza italiana che, sul solco di quanto già fatto da quella messicana, continuerà nell'opera intrapresa negli ultimi anni. In particolare identificare i Paesi che denotano carenze strategiche nel contrasto al riciclaggio e al finanziamento del terrorismo, operare affinchè adeguino i sistemi agli standard internazionali, approfondire l'analisi di nuovi metodi e tecnologie di utilizzo del sistema finanziario per fini illegali. In questo contesto fondamentale sarà il dialogo con i gruppi regionali costituiti sul modello del Gafi (come Moneyval per i paesi aderenti al Consiglio d'Europa).
 

Il terrorismo: lotta al riciclaggio e al finanziamento
Gli obiettivi della presidenza italiana sono in linea anche con la responsabilità di guidare la struttura nel processo di revisione degli standard internazionali contro il riciclaggio e il finanziamento al terrorismo. In particolare nel contrasto al finanziamento della proliferazione di armi di distruzione di massa, nella lotta alla corruzione, nella maggiore trasparenza nel settore finanziario. Il tutto in vista dell'avvio del quarto "Round of Mutual Evaluations" dei Paesi membri e non membri del Gafi.
 

Gli strumenti operativi del Gruppo
Sono 49 le raccomandazioni elaborate dal Gruppo che definiscono, nel dettaglio, le misure da adottare per consentire agli Stati interessati di combattere con efficacia il riciclaggio di capitali e il finanziamento del terrorismo. Pur non essendo obbligatorie dal punto di vista giuridico (soft law), le raccomandazioni hanno avuto rilievo sul piano internazionale. Dal 2008 al Gafi, già competente in materia di lotta al riciclaggio dei capitali di origine illecita e di prevenzione del finanziamento al terrorismo, è stato attribuito un nuovo incarico che riguarda il contrasto al finanziamento della proliferazione di armi di distruzione di massa.

Un po' di storia
Il Gruppo d'Azione Finanziaria Internazionale (Gafi) o Financial Action Task Force (Fatf), costituito nel 1989 in occasione del G7 di Parigi, è un organismo intergovernativo di cui fanno parte 35 membri in rappresentanza di Stati e organizzazioni regionali che corrispondono ai principali centri finanziari internazionali, organismi finanziari internazionali e del settore come Fmi, Banca Mondiale, Banca centrale europea, Nazioni Unite, Europol, Egmont.

 

Gianluca Di Muro
pubblicato Venerdì 24 Giugno 2011

I più letti

disegno ape che guarda con lente un pagina con su libro scritto Isee
Mancano ormai pochi giorni all’entrata in vigore della normativa che, archiviando le precedenti regole, dà spazio alla diversificazione delle situazioni e delle prestazioni
testo alternativo per immagine
I contribuenti possono continuare a effettuare la trasmissione dei dati all’Agenzia delle Entrate, relativa agli scambi commerciali, sulla base delle previgenti cadenze
testo alternativo per immagine
Il contribuente, per superare la presunzione legale relativa, deve adeguatamente dimostrare che le somme movimentate sono state impiegate per operazioni non imponibili
testo alternativo per immagine
Tra le novità, l’introduzione della procedura di collaborazione volontaria nazionale per tutti i residenti. Sono sanabili le violazioni commesse fino al 30 settembre 2014
testo alternativo per immagine
Entro le 14,50 del prossimo 31 dicembre le banche, gli uffici postali e gli agenti della riscossione devono procedere al trasferimento nelle casse statali delle somme riscosse
mezza mela
La modifica non è automatica, ma è conseguente all’andamento del rendimento medio dei titoli di Stato e del tasso di inflazione annuo e va sancita con decreto ministeriale
immagine
Le dichiarazioni possono essere presentate direttamente dagli operatori interessati , se abilitati ai servizi telematici Entratel o Fisconline, oppure tramite intermediari incaricati
testo alternativo per immagine
In Gazzetta il provvedimento che rinvia il pagamento del tributo al 26 gennaio prossimo, decisione preannunciata qualche giorno fa con comunicato stampa di Palazzo Chigi
testo alternativo per immagine
Il comitato di gestione dell’Agenzia delle Entrate ha dato il via libera agli avvicendamenti dei vertici, più un incarico strategico, che interesseranno alcune direzioni regionali
testo alternativo per immagine
Tra le novità, l’introduzione della procedura di collaborazione volontaria nazionale per tutti i residenti. Sono sanabili le violazioni commesse fino al 30 settembre 2014
testo alternativo per immagine
In evidenza: meno informazioni negli elenchi riepilogativi Intrastat, operazioni black list da comunicare una sola volta all’anno, immediata l’iscrizione alla banca dati Vies
ciak
Tra le altre: niente dichiarazione di successione per eredità fino a 100mila euro, via la comunicazione per lavori energetici “pluriennali”, rimborsi Iva con meno vincoli
IMU
I proprietari delle aree non più esonerate dal pagamento dovranno versare l’imposta municipale propria, per il 2014, in un’unica soluzione, entro martedì 16 dicembre
immagine
Le dichiarazioni possono essere presentate direttamente dagli operatori interessati , se abilitati ai servizi telematici Entratel o Fisconline, oppure tramite intermediari incaricati
testo alternativo per immagine
A seconda della scelta effettuata dal contribuente (accettazione o modifica, in modo autonomo o delegando altri soggetti), è previsto un diverso iter dei controlli documentali