In Parlamento

Delega fiscale: audizioni al Senato

immagine della targa della Commissione finanzeCamera
I lavori dell'Assemblea di Montecitorio riprendono oggi con le discussioni della Legge europea 2014 (recepimento delle direttive), già approvata dal Senato, e delle relazioni consuntive sulla partecipazione dell'Italia all'Unione relative agli anni 2103 e 2014.
L'esame dei documenti relativi all'Ue è programmato anche nelle convocazioni di mercoledì e giovedì, insieme a quello del disegno di legge per la conversione del decreto 65/2015, con le disposizioni urgenti conseguenti alla sentenza della Corte costituzionale sulla rivalutazione automatica delle pensioni.
L'Aula discuterà questa settimana anche la mozione 1-921 che richiede la sospensione delle procedure di espropriazione relative a immobili adibiti ad abitazione principale.
Mercoledì alle 15, come di consueto, si svolgerà il question time con la diretta televisiva sulle reti della Rai e sulla Web-tv della Camera. Venerdì alle 9 sarà il turno delle interpellanze urgenti.

Il calendario dei lavori della V Bilancio si apre martedì mattina con la convocazione a Commissioni riunite, con la omologa 5ª del Senato, per l'audizione di rappresentanti della Corte dei Conti, nell'ambito dell'indagine conoscitiva sulle prospettive di riforma degli strumenti e delle procedure di bilancio.
Sempre da oggi le Commissioni riunite V Bilancio e VIII Ambiente proseguiranno l'esame del testo unificato delle proposte di legge con misure in sostegno dei Comuni con popolazione inferiore a 5000 abitanti. Il provvedimento prevede facilitazioni per il pagamento delle imposte e incentivi per l'acquisto di immobili adibiti ad abitazione principale. Per gli Enti locali coinvolti sarà possibile anche acquisire le stazioni ferroviarie disabilitate o le case cantoniere, al valore definito dai competenti uffici delle Entrate.
Ancora audizioni a Commissioni riunite in apertura di giornata, mercoledì, per la V e la XIV Politiche UE. Sarà ascoltato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Sandro Gozi, sulle iniziative in materia di completamento dell'Unione economica e monetaria.
Al termine la Commissione Bilancio discuterà, tra l'altro, in sede consultiva per la VI Finanze, la proposta di legge per le modifiche all'articolo 16-bis del Testo unico delle imposte sui redditi, in materia di riconoscimento della detrazione per le spese realtive a interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici, mediante attribuzione di certificati di credito fiscale emessi dall'Agenzia delle Entrate.
Ai fini del parere all'Assemblea la V esaminerà mercoledì anche la legge di delegazione europea e la conversione del decreto con le misure conseguenti alla sentenza sull'indicizzazione delle pensioni.
In linea con la V Bilancio, anche la VI Finanze apre stamattina i lavori settimanali con audizioni a Commissioni riunite con la X Attività produttive. Nel contesto dell'esame della Legge annuale per il mercato e la concorrenza saranno ascoltati rappresentanti della Commissione di vigilanza sui fondi pensione (Covip) e - nel pomeriggio - Federica Guidi, titolare del dicastero dello Sviluppo economico. Mercoledì la V, stavolta riunita con la II Giustizia, ascolterà rappresentanti dell'Associazione fra le società per azioni (Assonime), per l'esame dello schema di decreto legislativo di attuazione della direttiva UE relativa ai bilanci d'esercizio e consolidati, delle società di capitali. Sullo stesso documento sono programmate nei giorni seguenti le audizioni di rappresentanti dell'Organsmo italiano di contabilità (Oic) e dell'Associazione dei revisori contabili (Assirevi).
Appuntamento fisso, il giovedì, con le interrogazioni a risposta immediata su questioni di competenza del ministero dell'Economia e delle Finanze. Al termine saranno discusse le risoluzioni in Commissione che riguardano: le misure a sostegno del credito in favore dei soggetti produttori di energia da fotovoltaico, n. 7-553; gli interventi sul regime di tassazione delle pensioni pagate da San Marino agli ex frontalieri italiani, n. 7-714.

Nel passaggio tra i due rami del Parlamento è doveroso un affaccio a palazzo San Macuto, dove si riuniscono gli Organismi parlamentari.
Segnaliamo in questa sede le convocazioni della Commissione di vigilanza sull'Anagrafe tributaria e di quella per l'attuazione del federalismo fiscale. La prima procede nell'indagine conoscitiva per la razionalizzazione delle banche dati pubbliche in materia economica e finanziaria, nell'ambito della quale saranno ascoltati - mercoledì mattina - rappresentanti della Cgia (Associazione artigiani piccole imprese) di Mestre. La seconda ascolterà Giancarlo Verde, direttore della Finanza locale del ministero dell'Interno, sull'attuazione delle procedure di dissesto e riequilibrio finanziari degli Enti locali.

Senato
Calendario a scartamento ridotto per il fisco, in Aula al Senato. Segnaliamo solo la discussione della conversione del decreto 51/2015, per il rilancio del settore agricolo. Il provvedimento scade il 5 luglio e contiene misure, non fiscali, per il sostegno a categorie colpite da eventi eccezionali, come quello oleicolo e quello lattiero caseario.
Giovedì pomeriggio si svolgeranno le interpellanze e interrogazioni.

Più ricco il programma delle Commissioni che solitamente si occupano di materia fiscale.
Per la 5ª Bilancio abbiamo già visto le convocazioni a Commissioni riunite con la V della Camera. Dal pomeriggio di martedì la Commissione avvierà la discussione, in sede referente, del disegno di legge per la conversione del decreto 78/2015 con le misure in materi di Enti territoriali. All'interno la ridefinizione del fondo di compensazione Imu-Tasi e lo stop all'aumento delle accise sui carburanti.
La Commissione procederà inoltre all'esame, in sede consultiva, di diversi provvedimenti. Tra questi segnaliamo il collegato ambientale alla Stabilità del 2014 (politiche di green economy con agevolazioni anche fiscali per incentivare l'uso di materiali riciclati) e il rilancio del settore agricolo, già visto nel programma dell'Aula.
In sede consultiva su atti del Governo la 5ª Bilancio esaminerà gli schemi di decreto, legati alla delega fiscale, relativi a:
  • crescita e internazionalizzazione delle imprese con, tra l'altro, l'introduzione della collaborazione (per eventuali delucidazioni sul regime fiscale) tra l'Agenzia delle Entrate e le imprese estere che vogliono investire in Italia
  • fattura elettronica tra privati, facoltativa, che riduce i tempi di accertamento (con servizio di generazione e trasmissione dei documenti informatici messo a disposizione dall'Agenzia delle Entrate).
  • certezza del diritto nei rapporti tra fisco e contribuenti, con spostamento dell'onere della prova, per l'abuso di diritto, a carico dell'amministrazione.
Sono le procedure informative ad aprire il programma della 6ª Finanze e tesoro. Martedì pomeriggio si svolgeranno le interrogazioni: 3-1766 sulla effettiva consistenza dei crediti non riscossi da Equitalia; 3-1961, che sollecita l'emanazione del decreto attuativo del credito d'imposta per ricerca e sviluppo, previsto dalla legge di stabilità per il 2015; 3-1976, sugli effetti dell'introduzione del modello 730 precompilato. La Commissione esaminerà inoltre lo schema di dlgs sulla disciplina del bilancio, d'esercizio e consolidato, per le società di capitali (riunita con la 2ª Giustizia) e, congiuntamente, degli atti preparatori alla legislazione comunitaria: n. COM (2015) 129 definitivo, abrogazione della direttiva per la tassazione sui redditi da risparmio; COM (2015) 135 definitivo, scambio automatico obbligatorio di informazioni nel settore fiscale.
Martedì 30 Giugno 2015